Do NOT follow this link or you will be banned from the site!

 

  

         

Circolare N. 1258 - 17/12/2021

Protocollo nazionale sul lavoro in modalitÓ agile

Approvato dalle parti sociali il Protocollo nazionale sullo smart working.

In data 7 dicembre, alla presenza del Ministro del lavoro, Confindustria e le altre principali associazioni datoriali e sindacali hanno dato il proprio assenso alla sottoscrizione del Protocollo nazionale sul lavoro in modalità agile.

Il documento offre alla contrattazione collettiva ampie linee di indirizzo, di cui tener conto nella futura regolamentazione della materia, fatti espressamente salvi gli accordi in essa già intervenuti.

Di seguito, una sintesi dei principali punti dell'accordo.

Il Protocollo conferma l'attuale impianto legislativo, che affida sempre alle parti del rapporto di lavoro - datore di lavoro e lavoratore - il potere regolatorio nella conclusione dell'accordo per l'adesione allo smart working. Viene riconosciuto il ruolo primario delle parti sociali che, nel corso degli ultimi due anni, hanno dimostrato una grande capacità d'iniziativa, favorendo la modalità di lavoro agile all'interno dei singoli contesti produttivi.

L'Accordo indica le possibili previsioni minime dell'accordo individuale, tra le quali, oltre all'alternanza tra il lavoro nei locali aziendali e all'esterno, va evidenziata l'importanza, per il datore di lavoro, di adottare le misure tecniche/organizzative volte ad assicurare la c.d. disconnessione.

Con riferimento al tema dell'organizzazione del lavoro con modalità agile, il Protocollo conferma quanto previsto dalla legislazione vigente, con riguardo all'assenza di un preciso orario di lavoro e autonomia nello svolgimento della prestazione nell'ambito degli obiettivi prefissati, oltre che nel rispetto dell'organizzazione delle attività assegnate dal responsabile a garanzia dell'operatività dell'azienda e dell'interconnessione tra le varie funzioni aziendali.

Sulla base delle diverse esperienze sviluppate nel corso degli ultimi anni, viene confermata la possibile articolazione della prestazione lavorativa in più fasce orarie, con individuazione della fascia di disconnessione nella quale il lavoratore non eroga la prestazione lavorativa.

Si evidenzia inoltre il principio secondo cui il lavoro agile non è, in prima istanza, compatibile con il lavoro straordinario.

Si conferma il principio della libertà del lavoratore di individuare il luogo ove svolgere la prestazione in modalità agile e si precisa che lo stesso debba comunque avere caratteristiche tali da consentire la regolare esecuzione della prestazione, in condizioni di sicurezza e riservatezza, anche con specifico riferimento al trattamento dei dati e delle informazioni aziendali e alle esigenze di connessione con i sistemi aziendali. Si riconosce inoltre alla contrattazione collettiva la possibilità di individuare i luoghi inidonei allo svolgimento del lavoro in modalità agile.

Fatti salvi diversi accordi, il Protocollo considera come "norma" il fatto che la fornitura tecnologica sia fornita dal datore di lavoro.

L'Accordo ribadisce il principio di parità di trattamento tra lavoratori che erogano la propria prestazione in presenza e lavoratori che svolgono la prestazione con modalità agile. Viene inoltre ribadita la centralità della formazione continua.

Per quanto concerne gli aspetti di salute e sicurezza, il Protocollo conferma l'impianto di legge, precisando che, alla parte di lavoro svolta in modalità agile, delle norme di cui Testo Unico sulla sicurezza, si applicano le prescrizioni relative agli obblighi comportamentali, anche in merito alle dotazioni tecnologiche informatiche fornite dal datore di lavoro.

A tale proposito, si conferma la centralità dell'informativa scritta che il datore di lavoro deve consegnare al lavoratore e l'obbligo per quest'ultimo di cooperare all'attuazione delle misure di sicurezza adottate dal datore di lavoro.

Con l'adesione al Protocollo, le parti sociali hanno inoltre ribadito la necessità di sostenere, anche attraverso il ricorso ad incentivi, l'utilizzo corretto del lavoro agile, da parte delle aziende che regolamentino il lavoro agile con accordo collettivo, in attuazione del Protocollo, e che ne prevedano un utilizzo equilibrato tra lavoratrici e lavoratori e favorendo un'ottica di sostenibilità ambientale e sociale.

Di particolare importanza, infine, è la richiesta formulata al Ministro del lavoro e formalizzata nel Protocollo, di introdurre urgenti misure di semplificazione del regime delle comunicazioni obbligatorie relative all'invio dell'accordo individuale che seguano le stesse modalità del regime semplificato attualmente vigente.


 

______
______
CONFINDUSTRIA COMO
Via Raimondi 1 22100 Como
tel 031 23 41 11
fax 031 23 42 50
 

confindustriacomo@confindustriacomo.it
confindustriacomo@pec.confindustriacomo.it
ORARIO DI APERTURA UFFICI:
dal lunedí al Giovedí:
08.30 - 13.00 / 14.00 - 18.00
il Venerdí:
08.30 - 13.00 / 14.00 - 17.00

Come Raggiungerci
Privacy Cookie
Informativa Privacy
RDP - DPO
Trasparenza Erogazioni Pubbliche - Legge n.124/2017
-->
Designed by Ovosodo - Powered by TIM Informatica - © 2017 Via Raimondi, 1 - 22100 Como tel +39 031234111 fax +39 031234250 C.F. 80010020131 e-mail: confindustriacomo@confindustriacomo.it pec: confindustriacomo@pec.confindustriacomo.it
Questo sito utilizza cookie tecnici al fine di garantire la normale navigazione e fruizione del sito.
La prosecuzione della navigazione determina il tacito consenso all'uso dei cookie.     ACCETTA     APPROFONDISCI